Emotional eating

Per la rubrica “pillole di psicologia” oggi parliamo brevemente di Emotional eating, o fame emotiva, ovvero quel fenomeno per il quale tendiamo ad assumere una quantità eccessiva di cibo in risposta ad una attivazione emotiva.

Come molti problemi di natura psicologica, anche l’emotional eating è mantenuto da un circolo vizioso: emozioni negative spesso non riconosciute vengono gestite attraverso il cibo. Il potere consolatorio però dura poco, ma al contrario subentra spesso un giudizio negativo su noi stessi  del tipo “non sono in grado di controllarmi” fino a “faccio schifo”, oltre ad emozioni ancora più s

piacevoli come colpa o vergogna.

Emozioni negative non riconosciute

Lo stato emotivo iniziale non solo persiste, ma si autoalimenta creando un circolo vizioso di mantenimento.

La terapia deve quindi mirare a spezzare questo meccanismo e può intervenire su diversi punti come ad esempio:

  • insegnare alla persona a riconoscere in modo adeguato le emozioni;

  • cogliere le situazioni e i pensieri connessi alle emozioni negative;

  • modificare i pensieri disfunzionali;

  • introdurre strategie più adattive di regolazione delle emozioni.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: