Il Nostro Approccio

Attualmente ci stiamo formando come psicoterapeute. Questo tipo di formazione richiede 4 anni supplementari di studio e pratica che si vanno ad aggiungere ai precedenti 6 anni per diventare psicologo.

Esistono diversi indirizzi di psicoterapia che si differenziano sia per le tecniche che per la teoria sottostante i vari disturbi.

Il nostro approccio è la psicoterapia cognitivo-comportamentale (CBT) 

La CBT è una delle terapie con il maggior numero di studi scientifici che ne dimostrano l’efficacia e viene inserita nelle linee guida internazionali come trattamento elettivo per numerosi disturbi.

È una terapia breve e focalizzata su precisi obiettivi che vengono sempre concordati con il paziente.

Paziente e terapeuta sono su un piano cooperativo e collaborano insieme alla promozione del cambiamento. Il focus primario dell’intervento è sui fattori che mantengono il problema nel presente: cosa impedisce alla problematica di risolversi adesso?

Molta importanza viene data ai pensieri e alle emozioni che viviamo nel presente e a come modi disfunzionali di pensare o di gestire le emozioni possano generare sofferenza se non vengono sostituiti con modalità più funzionali.

Nella terapia cognitivo-comportamentale non viene usato il lettino, paziente e terapeuta siedono uno di fronte all’altro ed il terapeuta non fornisce interpretazioni della sofferenza del paziente, piuttosto lo guida in modo attivo nell’autoscoperta delle sue problematiche, attraverso domande mirate. La terapia continua anche durante la settimana, molto spesso infatti vengono date delle attività da svolgere al di fuori dello studio del professionista. È importante che gradualmente il paziente sia in grado di riconoscere quali aspetti del suo modo di pensare o di comportarsi sono disfunzionali e di gestirli in modo sempre più autonomo.

Annunci